I dreamer trovano la voce solista

Dopo il grandioso successo conseguito ad Hyde Park i  quattro amici, carichi per  fortunato  momento appena vissuto, decisero di  creare il loro primo demo. Era arrivato il  momento  di fare sul serio.

Suonare  in una sala d’incisione  era tutt’altra cosa che  farlo in una cantina. Questo era stato da sempre il  loro obiettivo principale, e poi,  ancora,  essere sugli scaffali di negozi specializzati.  Ma tutto quello  che si stava svolgendo sotto i loro occhi era così  bello e strano al contempo da non poterci neppure credere.  Sean stava ripercorrendo gli eventi che  si erano svolti  in quei due  giorni.  Mentre pensava a tutto ciò Sean era arrivato in prossimità del Tower Bridge. Il suo sguardo era perso nella profondità del fiume, quando, d’improvviso, si sentì  urtare.

Si voltò verso l’autore del colpo, e la  vide. Era una ragazza di circa  20 anni , un metro e 60 ,  profondi occhi verdi e un caschetto biondo cortissimo,  e per un attimo Sean ebbe l’impressione di averla già vista. Quel viso dall’ovale perfetto e quello sguardo erano difficili da dimenticare.

Tornato  a casa chiamò Dean e gli raccontò l’accaduto senza tralasciare neppure la strana sensazione percepita  e la smodata voglia  di  ritrovarla. La  reazione dell’amico a quella  notizia non si fece attendere:

“Ma sei pazzo? Hai la più  pallida idea di quanti abitanti conta Londra?

Lo so  perfettamente quanto è grande Londra, Dean! – ribatté infastidito  Sean – Ma io  la troverò!

Il giorno seguente,  dopo aver effettuato la registrazione  di alcuni brani, i ragazzi  furono informati  che al Covent Garden quella sera ci sarebbe stato un concerto. Si  trattava di un band emergente, tutta al femminile, The International girls,   dalla comprovata bravura!

Quella sera Sean rivide la ragazza misteriosa e i Dreamer trovarono la loro voce solista. Adesso il successo era assicurato.

Hyde Park la nascita di un gruppo

Il momento tanto atteso era finalmente arrivato. James, Dean, Sean e Derek  provarono  per mesi  e mesi il repertorio musicale che avrebbero offerto al loro pubblico, qualora ne avessero avuto uno, cosa di cui tutti   dubitavano a parte  Sean. Malgrado ciò,   i quattro amici avevano  ugualmente preparato un  mix  di nuovi brani,   che andavano dal  melodico al jazz  al rock  duro.   Sarebbero state due ore intense  di pura  musica. Una serata  che avrebbero ricordato  per  sempre come  uno dei  momenti più belli della loro vita.

La  location  che avevano scelto  per il loro debutto,  era Hyde Park, un  luogo magico,  pullulante di grande musica, calpestato  solo dai grandi miti che avevano  scritto  le più  belle pagine della musica mondiale. E adesso toccava a loro. Chissà se ce  l’avrebbero fatta!

Londra, anfiteatro di un sogno

Un nuovo racconto firmato da Antonella Saia

James, Dean, Sean  e Derek si conoscono  sin dalla più tenera età.  La  loro è  un’amicizia che ha attraversato e superato grandi  difficoltà, ma una cosa  li ha sempre uniti; la musica.  Ogni giorno  si  riunivano nel garage di James  e suonavano le più belle cover della musica inglese contemporanea, sognando di ripercorrere le orme dei  più grandi mostri sacri del panorama musicale internazionale.

D’ altronde anche  i  Beatles e i Pink Floyd avevano cominciato la loro florida  carriera entra  le mura della misteriosa Londra, – pensava Sean, chiuso nella sua stanza e  steso sul letto, intento a contemplare  il soffitto senza neppure vederlo – e allora perché non potevano riuscirci anche loro? In fondo erano bravi.  Così, ecco l’idea; si sarebbero esibiti in un locale. Doveva solo crederci e fare in modo che anche gli altri ci credessero.

Le meraviglie di Londra e del sud Inghilterra

Un viaggio alla scoperta di Londra e i suoi dintorni e del Somerset.

Londra, una volta capitale di mezzo mondo, è solo il punto di partenza per un viaggio alla scoperta dei luoghi più classici dell’Inghilterra del Sud. Se la capitale è un approdo obbligato per chiunque voglia vivere un’esperienza a 360°, è anche il punto di partenza per un viaggio nella storia di questa fantastica nazione.

Dall’antichissima Stonehenge ed i suoi misteri ancora insoluti, la storia si dipana tra le epoche e le civiltà succedutesi nel tempo. I bagni romani di Bath si accompagnano agli edifici vittoriani più splendenti. Visiteremo Cambridge ed Oxford, le due università eterne rivali, che hanno cambiato il concetto stesso d’istruzione e studio, e che hanno regalato più di uno studente all’èlite non solo britannica, ma mondiale, e dove hanno studiato diversi membri di una delle famiglie reali più antiche e gloriose del pianeta.

Una volta tornati a Londra, ci immergeremo nell’atmosfera che ha reso così popolare questa città.

Che vogliate approfittare per provare la tipica ale inglese a Camden, o passeggiare per l’una volta malfamato quartiere di Soho, le possibilità che riusciate ad annoiarvi in questa splendida città sono quasi nulle. E quando vorrete qualcosa di più raffinato, le residenze imperiali ed i mille musei della città saranno aperti per voi.

Oltre a visitare i monumenti urbani, ci saranno visite guidate negli immediati dintorni della capitale, al Castello di Windsor ed Hampton Court, le più importanti residenze reali.

Londra non è Roma, non è Parigi. È prima di tutto una metropoli, poi una città d’arte. Bellissima, ma non splendida come le città del Mediterraneo. Certo, come ci insegnatono i romani, non si fonda uno dei più grandi imperi del pianeta se non si ha anche una cultura a supportare la macchina da guerra, ma Londra non vive della gloria del passato. Ed è proprio in questo che sta il suo fascino.

Come Venezia ed Anversa prima che lei ne prendesse il posto, Londtra è un melting pot, un posto dove si connettono storie e tendenze diverse ogni giorno che passa. Si può amarla od odiarla, si può forse storcere il naso davanti alla Shard ed alle torri della city, ma il fascino di Londra sta proprio nel non avere una storia, ma mille storie differenti.

Qui sono passati romani, celti, angli, ma sono passati anche Banksy, Jack lo Squartatore, le eterne lotte tra Beatles e Rolling Stones, i mod ed i loro nemici punk, le prostitute di Soho e le giubbe rosse. Ancora oggi, la città si deve arrendere all’invasione dei barbari, siano essi cockneys, europei o stranieri. Difficilmente sentirete due persone parlare lo stesso inglese nel giro di poche ore, od avere lo stesso colore della, pelle nonostante accenti simili. Londra non è facile, non è caliente, non è amichevole come può esserlo una città mediterranea. Ma è impossibile non lasciarsi catturare dalla sua atmosfera. Londra va visitata per quello che è, un museo dove le opere in mostra non sono tanto i monumenti, quanto la gente.

Vedi il programma del nostro tour LONDRA CLASSICA E MISTERIOSA

La Carrière des Lumières

Dove la pietra, la luce e l’arte si fondono in una emozione unica.

Può capitare che ti ci perda in quel mondo fatato che è la Carrière des Lumières una cava di pietra che diventa cattedrale votata all’arte, alla luce, alla musica.

A pochi chilometri da Marsiglia, a due tornanti di pulman da Chateau des Baux, nelle viscere della terra,

Enchanted Garden

Dal momento in cui l’aveva rivista in quella grotta Jonathan, non era più riuscito  a togliersela dalla mente. I  suoi occhi lo   perseguitavano ovunque andasse: sulla spiaggia mentre correva a piedi nudi, nell’hall  dell’albergo, sotto la doccia e ancora nel letto,  al suo risveglio.

Quando aveva lasciato Manhattan aveva pensato  soltanto a scappare da una vita  nella quale da troppo tempo si sentiva  imbrigliato, ma non  aveva fatto i  conti  con il suo cuore.

D’improvviso, mentre passeggiava  nella lussureggiante vegetazione dell’Enchanted Garden, perso in tali pensieri,  la vide, seminascosta da una rara e bellissima pianta tropicale. Lei non si era ancora accorta della sua presenza, così la sua sorpresa nel trovarselo dinanzi fu totale:

“Che cosa vuoi? – esclamò la donna sulla  difensiva –

Parlarti – rispose lui senza  attendere oltre-

È troppo tardi ormai, non credi? – replicò  Stephanie, continuando ad annusare il fiore che aveva tra le mani.

No, ti sbagli – replicò Jonathan,  prendendole il viso tra le mani e costringendola a guardarlo negli occhi. –  Io ti amo.

E la tua  libertà? – gli chiese lei, felice di poter dare sfogo finalmente a tutta la rabbia che aveva in corpo.

La libertà non ha alcuna importanza se al mio fianco non ci sei tu.” – rispose lui,  e senza darle il tempo di ribattere, la baciò.

Fu un bacio lungo, intenso e denso di significato.  Il sole al tramonto stava tingendo il cielo di rosso corallo segnando la fine di una giornata carica di emozioni,  mentre per loro  stava  per prendere il via un nuovo  inizio, all’insegna di una totale libertà,  finalmente priva di tutte le inutili convenzioni sociali.

Negril Lighthouse

L’alba,  quel giorno, mostrava tutte le sfumature del  rosa,  immerso  nell’azzurro di un mare cristallino, baciato da un timido sole che in quel momento stava facendo il  suo ingresso in cielo.  Era strano come da quando si trovasse a Kingston si accorgesse di tante piccole cose  che in passato aveva dato per scontato.

Nella notte appena trascorsa,  Jonathan aveva  ripercorso gli ultimi avvenimenti , soffermandosi sulla  notte che aveva preceduto la sua partenza.

Avevano trascorso una bellissima e romantica serata, culminata in una sfrenata notte d’amore, quando Stephanie,  occhi  negli occhi, gli chiese:

“Hai deciso riguardo la proposta di mio padre?

Il padre di Stephanie era titolare di un importante studio legale e aveva chiesto a Jonathan di entrare a far parte della sua squadra. Lui però  non aveva dato ancora  nessuna risposta,  fermamente intenzionato a   farcela  con le sue sole  forze. Doveva andarci cauto, si trattava pur sempre del padre della sua donna, così le disse:

Ancora nulla, perché me lo chiedi?

Perché oggi l’ho incontrato e ne abbiamo parlato –  rispose la donna emettendo un profondo  respiro – E poi perché sono incinta.   

Incinta?-  replicò lui perplesso- E questo cosa  c’entra con tuo padre?

C’entra, – rispose lei improvvisamente arrabbiata –  perché  vorrei vederti realizzato prima di mettere al mondo nostro figlio –

Era questa l’ultima immagine  che aveva  di Stephanie, la donna che aveva sempre amato.  Il  giorno dopo aveva spiccato il volo.

 

I ricordi si rincorrevano nella sua mente, mentre Jonathan nella sua folle corsa verso il nulla era arrivato fino al Negril Lighthouse, un faro che, sperava,  avrebbe acceso una luce sulla sua  vita e sul suo futuro.  Mentre  guardava l’oceano davanti a sé si sentì avvolgere da una leggera brezza e istintivamente si voltò. Stephanie era davanti a  lui. Il  suo destino si stava compiendo.  

Kingston e Green Grotto Caves

Era a Kingston già da una settimana  e non si era mai sentito più vivo e rigenerato. Da  quando si trovava sull’isola molte cose erano  cambiate nella sua vita.  Ogni mattina Jonathan  si alzava all’alba  e andava a correre a piedi nudi sulla spiaggia privata dell’albergo. Era bello sentirsi finalmente libero. Niente più  stress, niente più rigide regole alle quali adeguarsi. Solo sabbia bianca sotto di sé e il caldo bacio del sole al mattino.

Ma Kingston non era solo sole e mare. Giorno dopo giorno, infatti,  l’uomo scopriva luoghi incantevoli nei quali perdersi come il Green Grotto Caves, una grotta immersa in una rigogliosa vegetazione, fonte d’ispirazione, per chiunque volesse trovare,  nella più romantica delle isole  caraibiche, un po’ di mistero.  E fu proprio mentre Jonathan si aggirava in una di queste grotte, fiocamente illuminate dalla luce delle torce, poste ai lati dei muri rocciosi, che la vide.

In realtà,  la prima cosa che attirò la sua attenzione fu una voce soave e cristallina, una  voce che conosceva bene. Ma, non poteva essere, pensò l’uomo.  Incuriosito, si voltò e la vide. Era Stephanie, la sua ex, più bella che mai.  Provò a chiamarla, ma lei fuggì via,  veloce come il vento. Le  corse dietro per raggiungerla, ma la folla, che stava visitando  insieme a lui la grotta, lo rallentò,  e quando finalmente riuscì ad uscire lei era già sparita.

Ritornato  in  albergo  l’uomo ripensò a quel fugace incontro, ai suoi occhi blu come il cielo stellato di quella sera, ai suoi luminosi capelli biondi, alla sua profumata pelle  ambrata e un nodo gli serrò la gola.  Lasciare lei era stata la cosa più difficile, perché nonostante  lui ritenesse il loro rapporto stanco e privo di significato sapeva che Stephanie era ancora molto coinvolta. Quella notte l’uomo non dormì.

Alla scoperta di Kingston

Passeggiando sulla riva di Doctor’s Cave, una tra le più belle spiagge dei Caraibi,  Jonathan  ripensava a quella che era stata la sua  vita fino a pochi giorni prima.  Si  trovava a Kingston per spezzare la monotonia di un lavoro  ormai troppo imbrigliato in rigide regole che non  condivideva più; e sconvolgere altresì,  la monotonia di una vita nella  quale non si riconosceva più.

Per lungo  tempo, troppo forse,  era stato un avvocato di grido, membro di un famoso studio  legale di Manhattan, e adesso  che non era più così si sentiva svuotato. Era come se,  nella sua vita,  fosse stato tutto  prestabilito. Un buon lavoro, un rapporto  consolidato con una donna talmente bella e seducente  da non poterle resistere, una vita invidiabile, ma tutto questo era  solo fumo negli occhi  e,   solo adesso  fermo dinanzi a quel panorama mozzafiato,  dove il  mare sembrava  congiungersi con l’infinito, se ne rendeva improvvisamente conto.

Era stato in aula, durante l’ultimo processo, che si  era accorto di  quanta finzione ci fosse nella sua vita e sempre lì aveva preso la decisione più dura di tutta la sua esistenza. Qualche ora dopo era già  su un aereo diretto ai Caraibi.  Non era stato facile lasciarsi tutto alle spalle, ma da quando era arrivato al Delta Kingston Waterfront Hotel tutto era cambiato, anche il suo modo di vedere  il mondo che lo circondava.

Un giorno mentre percorreva in auto il litorale che costeggiava Long Bay Beach la sua attenzione fu attratta da un ragazzo che stava surfando. Lo faceva con estrema naturalezza, non esistevano tre elementi distinti ma uno solo. Era l’immagine della vera libertà.

Lo spirito gaelico e la musica celtica vivono in Irlanda.

E’ amore a prima vista. Alcuni cuori si lasciano immediatamente attrarre dalla bellezza e dalla freschezza dei ballerini di reel o gigs, balli tipici Irlandesi.

Una schiera di ragazzi e ragazze, si muovono, all’unisono, le braccia distese lungo il corpo, gambe che spingono in alto, al ritmo di una danza celtica, quasi pagana. Ginocchia che si articolano libere in una coreografica lineare, e circolare nello stesso tempo.

Le gambe tracciano nel vuoto disegni a compasso, e i capelli, delle donne, spesso biondi o rossi,

lunghi sulle spalle, ondeggiano al ritmo veloce del Boudhran.

Ti entra nel profondo dell’animo il Boudrhan, tamburo di origine celtica, orgoglioso delle mille battaglie che lo hanno visto infondere coraggio a schiere di uomini impegnati a difendere la propria terra, e oggi strumento tipico della musica irlandese.

Il fraseggio del flauto dolce, il low Whistle, dolce e vellutato, racconta di uomini, di vento, di amore per la natura, sembra un usignolo che gorgheggia la sua gioia di vivere.

Il violino, anch’esso veloce ma languido, il timbro di uno strumento che esprime il calore del legno di cui è composto e la tensione delle corde che vibrano a raccontare un umore di riscatto, di libertà.

Se la cultura celtica è radicata nella profonda e intensa armonia nella natura, non c’è niente di più naturale della dolcezza della voce e nell’uso che nella musica celtica se ne fa, non a caso, la new age, e infusa di musica vocale celtica.

I colori, sono naturali, il verde, il colore dell’Irlanda, il marrone, il blu, il rosso la semplicità e l’armonia del creato.

Passione, amore per la natura, ritmo, colori, lo spirito gaelico pervade tutta la musica celtica prima  e quella Irlandese più moderna poi, che aggiunge all’uso degli strumenti tradizionali, gusti ed esperienze moderni.

Tutta la musica moderna ha nella musica tradizionale Irlandese, parentele, connessioni, richiami, lo spirito gaelico non muore mai.